ciclismo.sportrentino.it
SporTrentino.it
Pista

Europei: bis d'oro di Matteo Bianchi, suo anche il keirin

Vincere è una cosa, ripetersi un'altra. La consapevolezza ritrovata dopo il successo nel chilometro da fermo, però, ha giocato la sua parte e è sembrata rendere tutto più facile. Matteo Bianchi ha ritrovato lo smalto e il colpo di pedale dei giorni migliori, che oggi gli hanno consentito di conquistare la seconda medaglia d'oro ai campionati europei di ciclismo su pista, arrivata nel keirin under 23.

Il classe 2001 di Laives ha chiuso in trionfo la sua avventura alla rassegna continentale di Anadia, in Portogallo. Un successo netto il suo, mai in discussione, a dir poco meritato.
Bianchi ha aperto la giornata vincendo la sua batteria davanti al connazionale Daniele Napolitano, per poi ripetersi in semifinale. Nell’occasione il pistard tesserato per la Campana Imballaggi Geo&Tex Trentino si è imposto davanti ai tedeschi Anton Höhne e Willy Leonhard Weinrich, emulato da Napolitano nell’altra semifinale.
Il trionfo azzurro si è concretizzato in finale. I tedeschi Höhne e Weinrich hanno provato a mettere in atto un gioco di squadra, ma non sono riusciti a sfuggire alla marcatura di Bianchi e Napolitano, che nel momento decisivo hanno trovato il varco giusto e hanno siglato una splendida doppietta.
Il forte pistard di Laives ha preso il comando delle operazioni all’inizio dell’ultimo dei sei giri di gara e ha chiuso in trionfo, seguito a ruota dal compagno di nazionale. Il bronzo è finito al collo di Anton Höhne, seguito in classifica dal britannico James Bunting e dall’altro tedesco Willy Leonhard Weinrich.
Bianchi ha chiuso i campionati europei con tre medaglie al collo, due d’oro (chilometro da fermo e keirin) e una di bronzo (nella team sprint), rilanciandosi dopo due annate difficili sotto il profilo dei risultati. Merito del lavoro svolto non solo con lo staff della nazionale, ma anche con quello della Campana Imballaggi Geo&Tex Trentino, seguito da vicino dal direttore sportivo Alessandro Coden (che vanta grande esperienza nel settore della pista) e dal preparatore Antonio Freschi.
Per la squadra trentina sono arrivate in totale sei medaglie. Alle tre di Bianchi, infatti, si aggiungono le tre delle junior Matteo Predomo, anche lui tornato a casa con due ori in valigia (velocità e keirin) e un bronzo (team sprint).
«Mi riesce difficile esprimere la gioia che stiamo provando in queste ore, ma dico solo che ho finito le lacrime – ha commentato a caldo il direttore sportivo della Campana Imballaggi Geo&Tex Trentino Alessandro Coden -. Speravamo di portare a casa una medaglia d’oro, sia con Matteo che con Mattia, ma averne conquistate quattro è qualcosa di straordinario. Il giusto premio al grande lavoro svolto dai ragazzi e dal nostro staff».
Predomo e Bianchi ora si concentreranno sul prossimo grande obiettivo stagionale, i Mondiali, dove i due andranno a caccia di nuovi pregiati metalli. Predomo sarà impegnato nella rassegna iridata juniores dal 16 al 20 agosto a Tel Aviv, mentre per Bianchi l’appuntamento sarà in ottobre in terra francese.

Classifica Keirin Under 23

1. Matteo Bianchi (Italia)
2. Daniele Napolitano (Italia)
3. Anton Höhne (Germania)
4. James Bunting (Gran Bretagna)
5. Willy Leonhard Weinrich (Germania)
6. Daan Kool (Olanda)

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.