ciclismo.sportrentino.it
SporTrentino.it
Allievi

La Coppa d'Oro resta in Trentino: a Borgo trionfa Magagnotti

Alessio Magagnotti era il grande favorito della vigilia, assieme a tutta la sua squadra, la Forti e Veloci. Il sedicenne trentino di Avio ha tradotto nero su bianco il pronostico della vigilia e ha trionfato alla 55ª edizione della Coppa d’Oro di Borgo Valsugana, la classicissima per Allievi che ha visto schierati ai nastri di partenza 412 atleti e che ha regalato la gioia del podio anche al bresciano Francesco Baruzzi (secondo) e al piemontese Giacomo Dentelli, terzo, accolti sul rettilineo di via Spagolla da un pubblico da Giro d’Italia.

L'arrivo trionfale di Alessio Magagnotti (foto Daniele Mosna)
L'arrivo trionfale di Alessio Magagnotti (foto Daniele Mosna)

Il Trentino è tornato a esultare alla Coppa d’Oro a distanza di dieci anni dall’ultima volta, quando a vincere fu l’atleta di Pergine Valsugana Nicola Conci, ora professionista con la Alpecin-Deceuninck.
Magagnotti ha centrato il quindicesimo successo stagionale, il più importante e il più bello della sua ancor giovane carriera, e ha portato in trionfo il direttore sportivo del club rossoblù Claudio Caldonazzi, tratto distintivo della gara organizzata dal Veloce Club Borgo. Mai come in questo caso, il premio al diesse è azzeccato, perché quella della Forti e Veloci è stata una vittoria frutto di una perfetta prova corale.
Melsan Idrizi si è occupato di tenere chiusa la corsa nelle fasi iniziali, Oscar Vlad Sandri ha poi imposto selezione lunga la prima delle tre ascese verso il Gpm di Telve, da sempre trampolino di lancio per gli aspiranti vincitori. Nel finale è stato il campione italiano Edoardo Augusto Caresia a riportare il capitano designato di giornata sui due corridori che in quel momento comandavano le operazioni, il generosissimo trentino dell’Aurora Christian Vedovelli e il comasco Mattia Gaffuri (Alzate Brianza). Al resto ci ha pensato Magagnotti, alla cui “sgasata” è riuscito a rispondere il solo Baruzzi, poi battuto nel decisivo sprint a due.

Il campione italiano Edoardo Caresia fa l'andatura
Il campione italiano Edoardo Caresia fa l'andatura

Il classe 2007 trentino, indiscusso leader della classifica nazionale di categoria, ha conquistato la quindicesima affermazione stagionale, lui che nel 2023 ha indossato anche la maglia tricolore di campione italiano della cronometro e si è infilato al collo la medaglia d’argento al Festival Olimpico della Gioventù Europea a Maribor.
Quella vista oggi è stata una delle più belle edizioni della Coppa d’Oro degli ultimi anni, incerta e combattuta fin dalle fasi iniziali, che dopo il via da Borgo Valsugana prevedevano un lungo tratto in linea, con il Gpm di Tenna prima difficoltà altimetrica di giornata. Già lì, Magagnotti ha testato la gamba, seguito dall’altro trentino Fabio Segatta (Montecorona), che si è poi aggiudicato il traguardo volante intitolato ad Antony Orsani e ha chiuso ottavo al traguardo.
Successivamente ci hanno provato in solitaria prima Christian Vedovelli (Aurora) e poi il mantovano Sergio Ferrari (Mincio Chiese), a precedere l’entrata sul circuito finale, caratterizzato dalla salita di Telve, dove i corridori hanno trovato ad attenderli due ali di folla. Al primo dei tre passaggi in vetta è transitato al comando Fabio Segatta (Montecorona), poi è arrivato l’attacco deciso del classe 2008 vicentino Lorenzo Campagnolo (Borgo Molino), capace di guadagnare una quarantina di secondi sul gruppo dei migliori.
Il suo tentativo si è spento nel corso della tornata conclusiva, quando il combattivo Vedovelli è andato a riprenderlo e ha poi rilanciato la propria azione, imboccando la salita di Telve con una quindicina di secondi di margine sugli inseguitori. Il portacolori dell’Aurora è stato riagganciato poco prima dello scollinamento da Mattia Gaffuri (Alzate Brianza) e, in seconda battuta, dal gruppo dei principali candidati alla vittoria, riportati sotto da uno scatenato Edoardo Augusto Caresia.

Christian Vedovelli (Aurora), grande protagonista in corsa
Christian Vedovelli (Aurora), grande protagonista in corsa

In contropiede è scattato Magagnotti, con il solo Baruzzi capace di tenere la sua ruota. Poi la decisiva volata a due, vinta dal trentino della Forti e Veloci. Lo sprint per il terzo posto è stato vinto da Giacomo Dentelli (Gb Junior Team), con Mattia Proietti Gagliardoni (Uc Foligno) e Roberto Capello (Sanmaurese) a completare la top 5.

Il podio della Coppa d'Oro 2023, con Magagnotti e Claudio Caldonazzi al centro
Il podio della Coppa d'Oro 2023, con Magagnotti e Claudio Caldonazzi al centro

Nell'allegato a fondo pagina l'ordine d'arrivo

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.