ciclismo.sportrentino.it
SporTrentino.it
Professionisti

La Ineos fa subito la voce grossa al Tour of the Alps

Che la Ineos Grenadiers fosse la squadra da battere era cosa nota ai più, se non a tutti. Che il capitano designato della squadra fosse Tao Geoghegan Hart forse era meno preventivabile. Il classe 1995 inglese è il primo leader del Tour of the Alps 2023, a segno sul traguardo di Alpbach, nel Tirolo austriaco, per quella che è la sua terza vittoria nella corsa euroregionale, dopo le due centrate nel 2019, quando chiuse secondo nella classifica generale alle spalle di Pavel Sivakov (i due, già al tempo, correvano assieme nell’allora Team Sky).

L'arrivo trionfale di Tao Geoghegan Hart (foto Svoboda)
L'arrivo trionfale di Tao Geoghegan Hart (foto Svoboda)

Il vincitore del Giro d’Italia 2020 sembra aver ritrovato lo smalto dei giorni migliori e ieri ha potuto contare addirittura sul supporto di Sivakov e Thomas, gli altri due pezzi da novanta della Ineos, che evidentemente intende puntare su Geoghegan Hart. Per quanto visto oggi, la scelta appare azzeccata.
Il Tour of the Alps è stato frizzante già nella giornata inaugurale, complice il disegno del percorso della prima frazione e il format su cui l’evento organizzato dal Gs Alto Garda ha costruito le proprie fortune: tappe brevi e nervose, garanzia di spettacolo.
Oggi il gruppo ha mosso i primi colpi di pedale da Rattenberg e, dopo una decina di chilometri, è nata la fuga che ha caratterizzato buona parte della tappa, promossa da Valentin Paret-Peintre (Ag2r), Sergio Samitier (Movistar), Mulu Hailemichael (Caja Rural), Moran Vermeulen (Nazionale austriaca), Alex Martin e Andrea Garosio (Eolo Kometa).
Il vantaggio dei fuggitivi ha raggiunto i tre minuti, per poi andare a scendere nella seconda parte di gara, disseminata di Gpm. Sul Brandenberg i battistrada hanno visto dimezzarsi il loro vantaggio e sono stati ripresi poco prima dell’ascesa del Passo Kerschbaumer. Lì sono entrati in azione i big e c’è subito stata selezione.
Al comando si è formato un gruppetto di 14 corridori, da cui si sono sganciati Jack Haig (Bahrain Victorious) e Jefferson Cepeda (Ef), con la Ineos a guidare l’inseguimento.
Haig ha allungato in discesa, ma la sua azione è andata ad appesantirsi lungo la salita conclusiva, decisamente tosta nel tratto conclusivo. Cepeda è stato ripreso a metà salita, Haig a un chilometro dal traguardo, quando c’è stato lo scatto secco di Hugh Carthy, con le pendenze che sfioravano il 13%. Il portacolori della Ef si è “piantato” a 300 metri dal traguardo: Geoghegan Hart è arrivato di gran carriera ed è andato a prendersi la vittoria (la seconda della stagione dopo quella conquistata in febbraio alla Vuelta Valenciana) e la maglia di leader. Seconda piazza per l’austriaco Felix Gall (Ag2r), anche lui capace di superare Carthy, alla fine terzo davanti a Ivan Sosa (Movistar) e Vlasov (Bora). Settimo a 10” il primo degli italiani, Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa).
Il migliore dei cinque trentini in gara è stato il droato della Bahrain Victorious Edoardo Zambanini, 44°.
Domani ci sarà un’altra frazione vallonata: attraverso il Brennero si arriverà in Alto Adige, a Renon. I chilometri da percorrere saranno 165, con 2882 metri di dislivello positivo.

Ordine d’arrivo

1. Tao Geoghegan Hart (Ineos) 127,5 km in 3h18’00” (media 38,636 km/h)
2. Felix Gall (Ag2r) a 2”; 3. Hugh Carthy (Ef) a 4”
4. Ivan Sosa (Movistar) a 6”
5. Aleksandr Vlasov (Bora) st
6. Pavel Sivakov (Ineos) st
7. Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa) a 10”
8. Lennard Kämna (Bora Hansgrohe) st
9. Santiago Buitrago (Bahrain Victorious) st
10. Jack Haig (Bahrain Victorious) st
44. Edoardo Zambanini (Bahrain Victorious) a 4’50”
74. Davide Bais (Eolo Kometa) a 9’32”
100. Riccardo Lucca (Bardiani) a 14’08”
122. Samuele Zambelli (Corratec) a 16’15”
124. Samuele Rivi (Eolo Kometa) a 17’54”

Classifica generale

1. Tao Geoghegan Hart (Ineos)
2. Felix Gall (Ag2r) a 6”
3. Hugh Carthy (Ef) a 10”
4. Ivan Sosa (Movistar) a 16”
5. Aleksandr Vlasov (Bora) st

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,844 sec.