ciclismo.sportrentino.it
SporTrentino.it
Professionisti

Assolo di Lucca nella 4ª tappa dell’Adriatica Ionica Race

C’è un uomo solo al comando ed è Riccardo Lucca. Il 25enne roveretano della Work Service Vitalcare ha trovato l’acuto vincente nella quarta tappa dell’Adriatica Ionica Race 2022. Nel finale della Fano-Sirolo, Lucca ha staccato i compagni di fuga e si è reso protagonista di uno splendido assolo, precedendo al traguardo Emil Dima della Giotti Victoria, Riccardo Verza della Zalf Euromobil Fior ed Enrico Battaglin (Bardiani).

L'arrivo trionfale di Riccardo Lucca (fotoservizio Photors.it)
L'arrivo trionfale di Riccardo Lucca (fotoservizio Photors.it)

L’azione che si è poi rivelata decisiva è nata già nella prima parte di gara, quando hanno preso il largo ventidue corridori, tra cui Lucca, seguito a ruota da Simone Bevilacqua, Diego Pablo Sevilla (Eolo Kometa), Manuele Boaro, Antonio Nibali (Astana), Enrico Battaglin (Bardiani), Stefano Gandin, Giulio Masotto, Marco Murgano (Team Corratec), Luca Chirico, Alessandro Bisolti (Drone Hopper-Androni), Raul Garcia (Equipo Kern Pharma), Joan Bou, Unai Cuadrado (Euskaltel Euskadi), Emil Dima, Alessandro Monaco (Giotti Victoria Savini Due), Giovanni Carboni (Nazionale Italia), Alessandro Iacchi (Team Qhubeka), Filippo Ridolfo (Novo Nordisk), Edoardo Faresin, Riccardo Verza e Matteo Zurlo (Zalf Euromobil Fior).
Il drappello di testa si è assottigliato lungo l’ascesa verso Recanati, dove sono transitati al comando Lucca, Antonio Nibali, Battaglin, Chirico, Bou, Cuadrado, Dima, Monaco, Carboni e Verza. Sulla salita finale del Poggio, il trentino della Work Service ha sferrato l’attacco vincente, per poi tagliare il traguardo in solitaria con 24” di vantaggio su Emil Dima e 28” su Riccardo Verza, secondo e terzo.

Riccardo Lucca in azione (Photors.it)
Riccardo Lucca in azione (Photors.it)

Ventiquattresimo l’altro trentino in gara Edoardo Sandri (Cycling Team Friuli), ottavo nella generale e terzo nella graduatoria dei giovani. Lucca, che era già stato protagonista in fuga nella prima tappa (chiusa al quarto posto), è invece salito al 12° posto.
Domani la quinta e ultima tappa, 152,3 chilometri da Castelraimondo ad Ascoli Piceno.

Ordine d’arrivo

1. Riccardo Lucca (Work Service Vitalcare Videa) 164,5 km in 3h47’41” (media 43,35 km/h)
2. Emil Dima (Giotti Victoria Savini Due) a 24”
3. Riccardo Verza (Zalf Euromobil Désirée Fior) a 28”
4. Enrico Battaglin (Bardiani CSF Faizanè)
5. Joan Bou Company (Euskaltel Euskadi) a 32”
6. Antonio Nibali (Astana) a 34”
7. Raul Garcia Pierna (Kern Pharma) a 40”
8. Natnael Tesfatsion (Drone Hopper Androni) a 1’10”
9. Filippo Zana (Bardiani CSF)
10. Vadim Pronskiy (Astana)

Classifica generale

1. Filippo Zana (Bardiani)
2. Natnael Tesfatsion (Drone Hopper) a 15”
3. Vadim Pronskiy (Astana) a 30”
4. Luca Covili (Bardian a 51”
5. Jefferson Cepeda (Drone Hopper) a 1’16”
6. Mikel Bizkarra (Euskaltel Euskadi) a 2’04”
7. Lorenzo Fortunato (Eolo Kometa) a 4’26”
8. Edoardo Sandri (CTF) a 5’08”
9. Paul Double (MG K Vis) a 5’19”
10. Oliver Stockwell (CTF) a 6’41”

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,547 sec.