ciclismo.sportrentino.it
SporTrentino.it
Il podio della settimana

Le fughe di Mattia Bais, l'assolo di Piffer, il tris di Andreaus

Le fughe in rosa di Mattia Bais, la prima vittoria da junior del cembrano Christian Piffer, il terzo successo stagionale dell’allievo Elia Andreaus. Il nostro “podio della settimana” celebra un altro weekend esaltante - l’ennesimo della prima parte di stagione - per il movimento ciclistico trentino, protagonista al Giro d’Italia con Mattia Bais e nelle gare giovanili disputate in Veneto e Friuli.

1. MATTIA BAIS (Professionista, Drone Hopper-Androni)

Dici Mattia Bais e dici “fuga”. Il 25enne di Nogaredo della Drone Hopper-Androni ha ripreso da dove aveva lasciato al Giro d’Italia ed è stato grande protagonista nel weekend ungherese che ha aperto l’edizione numero 105 della corsa rosa.
Dopo aver vinto la speciale classifica delle fughe nel 2020, alla sua prima esperienza in una grande gara a tappe, Mattia vuole riprovarci quest’anno. L’avvio è stato più che confortante.
Nelle prime due frazioni in linea, intervallate dalla cronometro di Budapest, il tenace corridore lagarino ha macinato in avanscoperta 354 dei 396 chilometri di gara, di cui 172 in coppia con l’altro trentino Samuele Rivi. Un ottimo punto di partenza, considerando che due anni fa Bais s’impose nella graduatoria riservata agli attaccanti con 458 chilometri trascorsi in fuga.
Nei prossimi giorni rivedremo sicuramente Mattia impegnato in qualche altra azione dalla distanza, magari assieme al fratello Davide, che è al debutto al Giro, in gruppo con la maglia della Eolo-Kometa.

2. CHRISTIAN PIFFER (Junior, Ausonia Pescantina)

Nelle scorse settimane ci aveva provato, senza però trovare la giusta fortuna. La fortuna, questa volta, Christian Piffer se l’è costruita a suon di pedalate. Il cembrano di Palù di Giovo ha centrato la prima vittoria tra gli juniores grazie a una splendida azione solitaria, che gli ha permesso di presentarsi a braccia alzate sul traguardo del 6° Gran Premio Amici del Ciclismo, corsa organizzata a San Pietro in Cariano dalla sua società di appartenenza, l’Ausonia Pescantina.
Nella gara veronese è stata festa trentina, con Riccardo Galante e Thomas Capra che hanno completato il podio, primo e secondo nello sprint del gruppo inseguitore, a 45” da Piffer. Quest’ultimo ora ha puntato il mirino sui campionati provinciali, che si terranno il 5 giugno prossimo nella sua Palù di Giovo. Piffer, al pari di Galante e Capra, potrà correre per la conquista del titolo, in quanto le formazioni di tutti e tre – pur essendo squadre extra regionali – sono affiliate anche in Trentino.

3. ELIA ANDREAUS (Allievo, Veloce Club Borgo)

Dopo aver conquistato la maglia di campione provinciale a cronometro ed aver vinto la prima edizione della Due Giorni Pinetana nel weekend del primo maggio, domenica scorsa Elia Andreaus ha centrato la terza affermazione stagionale sulle strade friulane di Codroipo, teatro del 37° Gran Premio Ciclistico Festa della Mamma.
L’allievo allenato dal direttore sportivo Nico Pasini è stato il protagonista indiscusso: è entrato nella fuga di 9 nove corridori nata dopo appena 7 chilometri e nel finale ha fatto la differenza assieme al friulano Andrea Bessega, poi battuto nel decisivo sprint a due. Grazie a questo successo, Andreaus si è issato al comando della classifica nazionale di categoria, forte di tre vittorie, due secondi posti e un terzo posto.

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.