SporTrentino.it
Professionisti

Zambelli freccia azzurra, è 3° alla Per Sempre Alfredo

Se di occasione si trattava, Samuele Zambelli l’ha saputa sfruttare al meglio. Il classe 1998 di Volano, in gara con la maglia della nazionale, ha conquistato un prestigioso terzo posto alla Per Sempre Alfredo, corsa professionistica nata per celebrare la memoria dello storico c.t. della Nazionale Alfredo Martini.

Zambelli (a destra) sul podio della Per Sempre Alfredo
Zambelli (a destra) sul podio della Per Sempre Alfredo

Zambelli ha preso il via con il dorsale numero 1, riservato alla squadra per lunghi anni diretta da Martini. Il trentino l’ha saputo onorare al meglio e si è esaltato negli splendidi sobborghi di Firenze.
Nella volata che ha deciso la corsa è stato preceduto soltanto dallo sprinter milanese della Trek Segafredo Matteo Moschetti e da Mikel Aristi (Euskaltel), primo e secondo all’arrivo. Il promettente corridore trentino, che è tesserato per la Continental Iseo Rime Carnovali Sias, è stato bravo a finalizzare il grande lavoro della selezione azzurra guidata da Marino Amadori e ha conquistato un risultato che ne alimenta le ambizioni di passaggio al professionismo.

La volata finale, con Zambelli sulla destra
La volata finale, con Zambelli sulla destra

Nella corsa toscana Zambelli ha confermato quanto di buono già fatto vedere in avvio di stagione, già sul podio alla Coppa San Geo (secondo posto) e poi quinto domenica scorsa al Trofeo Fubine Porta del Monferrato.
Erano 162 i chilometri da percorrere, con un percorso diviso in due blocchi: una prima parte collinare da 86.5 km, una seconda di discesa e pianura pianeggiante da 75.5 km.
Nell'ultima salita verso le Croci di Calenzano, la terra natale di Alfredo Martini, si è avvantaggiato un quartetto composto da Nicolò Buratti (Italia), Christian Scaroni (Gazprom RusVelo), Stefano Gandin (Zalf Desirée Fior) e il britannico Paul Double, (MgKVis). I quattro sono stati ripresi poco prima dello scollinamento e il gruppo è entrato compatto sul circuito disegnato attorno a Sesto Fiorentino, da percorrere quattro volte. Vini Zabù e Trek Segafredo hanno dettato il ritmo, fino a quando, a 4 chilometri dall’arrivo, una caduta ha spaccato in due il gruppo, mettendo fuori gioco alcuni dei possibili protagonisti, tra cui Mareczko.
Al comando sono rimasti una trentina di corridori, che si sono giocati il successo in volata. La giovane Italia schierata da Amadori ha provato ad andare a caccia del “colpaccio”, ma ha prevalso la maggiore esperienza di Moschetti. Assieme al vincitore di giornata ha potuto gioire anche Nicola Conci, che sabato era stato protagonista di una bella fuga alla Milano-Sanremo, poi vinta dal compagno di squadra Stuyven. Anche in questo caso, il lavoro del 24enne di Pergine Valsugana è stato prezioso ai fini del risultato finale e Conci ha così potuto festeggiare la seconda vittoria di squadra in due giorni.

Zambanini a ridosso della top 10

In gara c'era anche il promettente corridore di Dro Edoardo Zambanini, schierato al via dalla Zalf Desirée Fior, da quest'anno in possesso di licenza Continental. Zambanini si è gettato nella mischia nel finale di corsa e ha conquistato un ottimo 12° posto, di buon auspicio per il prosieguo della stagione.
Tra gli altri trentini in gara, 46° posto a 44” per Nicholas Agostini (General Store), 76° a 1’35” Nicola Conci, seguito a ruota dal roveretano del team General Store Riccardo Lucca (87° con lo stesso distacco). Samuele Rivi (Eolo Kometa) ha invece chiuso 103° a 2’47”.

Caduta e ritiro per Davide Bais

Se per Zambelli quella vissuta alla Per Sempre Alfredo è stata una giornata memorabile, altrettanto non si può dire per Davide Bais. Il neoprofessionista di Nogaredo in forza alla Eolo Kometa è stato vittima di una caduta nelle fasi centrali della corsa ed è stato costretto al ritiro. Il corridore trentino ha rimediato parecchie sbucciature ma, stando alle notizie arrivate dalla corsa, fortunatamente è apparso in buone condizioni.

Ordine d'arrivo

1. Matteo Moschetti (Ita) Trek Segafredo
2. Mikel Aristi (Spa) Euskaltel Euskadi
3. Samuele Zambelli (Ita) Nazionale Italiana
4. Jon Aberasturi (Caja Rural)
5. Luca Colnaghi (Italia)
6. Giovanni Lonardi (Bardiani Csf)
7. Stefano Gandin (Zalf Desirée Fior)
8. Tommaso Nencini (Italia)
9. Natale Tesfatsion (Androni Sidermec)
10. Marius Mayrhofer (Team Dsm)
11. Damiano Cima (Gazprom Rusvelo)
12. Edoardo Zambanini (Zalf Desirée Fior)

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,404 sec.