Pista
mercoledì 10 luglio 2019
CICLISMO
Bianchi bronzo nel km, Paternoster cerca il bis

Dopo essersi infilata al collo la medaglia d’oro nella corsa a eliminazione martedì, oggi Letizia Paternoster è tornata a brillare al velodromo di Gent, in Belgio, dove si stanno disputando i campionati europei di ciclismo su pista junior e under 23.
La forte atleta nonesa, che compirà vent’anni tra pochi giorni, ha fatto segnare il miglior tempo nelle qualificazioni dell’inseguimento a squadre assieme a Elisa Balsamo, Martina Alzini e Vittoria Guazzini, prenotando la medaglia d’oro per domani.
Il quartetto azzurro ha coperto i 4000 metri di gara (16 giri di pista) in 4’19”778 (media 55,431 km/h), un tempo di oltre 5” più basso rispetto a quello fatto segnare dalla seconda squadra classificata, la Francia (4’24”941). Dietro alle transalpine si è piazzata la Germania (4’29”513), seguita in quarta piazza dalla Gran Bretagna (4’31”247), che domani sarà l’avversaria dell’Italia nella sfida che metterà in palio il pass per la finale (ore 13 circa). Le ragazze dirette dal Ct Dino Salvoldi sono le grandi favorite per la vittoria, con la sfida per l’oro in programma poco prima delle ore 20.

Il quartetto azzurro con Letizia Paternoster durante le qualificazioni dell'inseguimento a squadre
Il quartetto azzurro con Letizia Paternoster durante le qualificazioni dell'inseguimento a squadre

Mentre Letizia Paternoster insegue la seconda medaglia d’oro in altrettante gare, un altro atleta regionale è riuscito a salire sul podio alla rassegna continentale belga. Si tratta del bolzanino Matteo Bianchi, corridore di Laives che difende i colori del team trentino Campana Imballaggi.
L’atleta allenato da Alessandro Coden ha conquistato uno splendido terzo posto nella prova del chilometro da fermo, coprendo i quattro giri di pista (250 metri a tornata) in 1’02”222. Meglio dell’altoatesino hanno saputo fare soltanto il greco Konstantinos Livanos (oro in 1’01”825) e l’olandese Daan Kool (argento in 1’01”827).

Lo junior di Laives Matteo Bianchi con la medaglia di bronzo al collo
Lo junior di Laives Matteo Bianchi con la medaglia di bronzo al collo

Si è accomodato ai piedi del podio, invece, il quartetto azzurro dell’inseguimento a squadre juniores, che nelle qualificazioni aveva visto protagonista anche il droato della Campana Imballaggi Edoardo Zambanini. Nelle qualifiche, l’Italia aveva fatto segnare il sesto tempo, con gli azzurrini poi bravi a qualificarsi per la finale 3°-4° posto contro la Germania. Zambanini, che tornerà in pista sabato per la corsa a punti, non ha preso il via alla gara per il bronzo, vinta dai tedeschi in 4’01”680, contro il 4’08”768 di Bonelli, Balestra, Pinazzi e Gozzi.
Meglio è andata alle loro pari età, che hanno regalato all’Italia il titolo europeo. Eleonora Camilla Gasparrini, Camilla Alessio, Giorgia Catarzi e Sofia Colinelli hanno strapazzato la Gran Bretagna in finale chiudendo in 4’26”951, contro il 4’35”777 delle inglesi.

Classifica km da fermo junior maschile


1. Konstantinos Livanos (Grecia) 1’01”825 (media 58,228 km/h)
2. Daan Kool (Olanda) 1’01”827
3. Matteo Bianchi (Italia) 1’02”222
4. Julien Jager (Germania) 1’02”710
5. Ekain Jimenez Elizondo (Spagna) 1’02”710

Classifica inseguimento a squadre junior maschile


1. Gran Bretagna (Max Rushby, Alfie George, Sam Watson, Leo Hayter) 4’01”338 (vincitrice finale 1°-2° posto)
2. Russia (Egor Igoshev, Ivan Novolodskii, Evgenii Poludenko, Ilia Schegolkov) 4’03”334
3. Germania (Hannes Wilksch, Tobias Buck-Gramcko, Nicolas Heinrich, Pierre-Pascal Keup) 4’01”680 (vincitrice finale 3°-4° posto)
4. Italia (Alessio Bonelli, Lorenzo Balestra, Mattia Pinazzi, Tommaso Gozzi) 4’08”768

Classifica qualificazioni inseguimento squadre under 23 femminile


1. Italia (Letizia Paternoster, Martina Alzini, Elisa Balsamo, Vittoria Guazzini) 4’19”778 (media 55,431 km/h)
2. Francia (Clara Copponi, Valentine Fortin, Marion Borras, Marie Le Net) 4’29”513
3. Germania (Franziska Brausse, Laura Sussemilch, Lena Charlotte Reissner, Michaela Ebert) 4’31”247
4. Gran Bretagna (Jessica Roberts, Josie Knight, Anna Docherty, Jenny Holl) 4’31”247

Classifica inseguimento a squadre donne junior


1. Italia (Gasparrini, Alesio, Catarzi, Colinelli) 4’26”951 (vincitrice finale 1°-2° posto)
2. Gran Bretagna 4’35”777
3. Germania 4’34”622 (vincitrice finale 3°-4° posto)
4. Russia 4’36”019

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri